banner logo
banner logo
 > NEWS

Il prestigioso Premio Cozzarelli della National Academy of Sciences USA ad una ricerca APENET


Il Premio Cozzarelli per la prima volta tocca l'Italia: è stato assegnato infatti per l’anno 2013 ad uno studio condotto all'Università di Napoli, Udine e Bologna e realizzato nell'ambito di APENET, un progetto coordinato dal CRA. L'argomento: l'effetto dei neonicotinoidi sul sistema immunitario delle api.

Il Premio Cozzarelli viene attribuito ogni anno a sei lavori pubblicati sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences USA in ragione della loro eccellenza scientifica ed originalità. 

 Quest'anno sarà assegnato ad una ricerca coordinata dal Professor Francesco Pennacchio dell'Università di Napoli e che coinvolge anche l'Università di Udine e di Bologna. Il lavoro premiato fa luce sul modo in cui una molecola insetticida (neonicotinoide), limitando le difese immunitarie dell'ape, favorisce l’insorgenza  di gravi infezioni virali causando la morte degli insetti. I risultati di questa ricerca sono un importante contributo alla protezione delle api, dalle quali dipende la produzione di miele, ma soprattutto l’impollinazione delle piante spontanee e coltivate. Inoltre, i dati acquisiti potranno aprire nuove opportunità di studio sulla neuromodulazione della risposta immunitaria.

Questo studio ha consentito all’Italia di ricevere per la prima volta questo importante riconoscimento internazionale ed è motivo di grande soddisfazione per l’intera comunità scientifica nazionale.

La cerimonia di premiazione si terrà il 27 aprile 2014, a Washington D.C., nel corso del National Academy of Sciences Annual Meeting. 


LINK

:: La ricerca premiata

:: Il Cozzarelli Prize

 

 

 


27/03/2014

Valle d'Aosta Piemonte Lombardia Trentino - Alto Adige Estero Friuli - Venezia Giulia Veneto Emilia-Romagna Toscana Liguria Marche Umbria Abruzzo Lazio Campania Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Puglia Puglia Puglia