banner logo
banner logo
 > La rinascita della via della seta in Italia



La Rinascita della Via della Seta è un progetto costituito nell'ottobre del 2014, che ha come motore il CRA-API e che unisce diverse aziende italiane. Lo scopo è quello di ricostruire e riorganizzare l’intero ciclo della seta, dalla coltivazione del gelso all’allevamento dei bachi, fino alla trasformazione del filato.

Da oltre 50 anni non si produce seta 100% made in Italy nel nostro Paese: in Italia venivano lavorati decine di milioni di bozzoli e una parte veniva addirittura importata per soddisfare la richiesta dei mercati per la produzione di seta greggia. Negli ultimi venti anni di produzione (anni ’50-’70) il Veneto e il Friuli erano i massimi produttori italiani. Un’attività che potrebbe far ripartire l’economia locale grazie alle sue grandi potenzialità.

In questo contesto il CRA-API è l’unico centro italiano e dell’Europa occidentale in grado di preparare le uova da distribuire agli allevatori e laboratori che ne fanno richiesta.

“Il CRA-API di Padova è un centro d’eccellenza mondiale della ricerca in bachicoltura e gelsicoltura – ha spiegato Silvia Cappellozza, ricercatrice CRA – qui vengono conservate circa 200 razze di bachi da seta e circa 60 varietà di gelso, una banca genetica fra le pochissime esistenti al mondo e unica in Europa occidentale.

La conferenza stampa di presentazione del progetto è avvenuta il 17 giugno 2015.

:: Comunicato stampa e gallery del progetto (setaetica)

 

 

22/06/2015

Valle d'Aosta Piemonte Lombardia Trentino - Alto Adige Estero Friuli - Venezia Giulia Veneto Emilia-Romagna Toscana Liguria Marche Umbria Abruzzo Lazio Campania Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Puglia Puglia Puglia